DIARIO DI VIAGGIO DEL TOGO, LA VERA AFRICA

Diario di viaggio del Togo, di Alessia Tontini

Diario di viaggio del Togo
Saluti da una bimba, Togo

Il Togo è uno degli Stati più poveri e piccoli dell’Africa dell’Ovest e con un clima tipicamente tropicale; il periodo migliore per organizzare un viaggio in questo paese è da novembre a marzo. 

DIARIO DI VIAGGIO DEL TOGO: L’ORGANIZZAZIONE DEL VIAGGIO

Durante i periodi estivi vi è molto caldo  e il tempo è soggetto a mutevoli cambi di clima dovuti a forti acquazzoni. Per questo motivo portatevi sempre un repellente contro insetti e zanzare (a volte davvero fastidiose) e se potete una zanzariera magari da regalare poi a qualche famiglia del posto. 


E’ inoltre obbligatoria la vaccinazione contro la febbre gialla (siamo in un paese povero, lo ricordo, per cui è molto difficile avere un’adeguata assistenza medica) ma io consiglio anche la vaccinazione contro l’epatite e un antimalarico in caso non stiate per lunghi periodi di tempo.

Per quanto riguarda il prezzo del biglietto con partenza da Milano Malpensa e scalo ad Addis Abeba (Etiopia) può variare dai 650,00 ai 1.000 euro a/r ma io consiglio la compagnia Air Maroc, più economica di Air France. (il volo ha una durata di circa 9 ore). Consiglio anche di non fare il visto dall’Italia ma di comprarlo direttamente in loco, all’aeroporto, per 20,00 euro (dall’Italia costa 150,00 euro) e poi rinnovarlo dopo circa 4 giorni a seconda del periodo in cui si decide di restare in questo splendido paese. E’ inoltre consigliato l’uso di torce (in molte zone non vi è elettricità) e caricabatteria portatili.

Diario di viaggio del Togo
Io in motorino, Togo

Ora vorrei passare a raccontare, dopo circa 7 mesi che ho passato in Togo, i 9 giorni che mi hanno condotto dalla capitale, Lomé, al Burkina Faso, al nord, in motorino (le strade sono poco asfaltate, ve n ‘è una sola principale che attraversa il Paese per  questo io consiglio l’uso di un fuoristrada). Se non ve la sentite di guidare – la capitale in particolare è molto trafficata – consiglio l’uso dei taxi-moto (costano circa 300 CFA, l’equivalente di 50 centesimi per una tratta media) o dei taxi in comune – esperienza incredibile da fare almeno una volta nella vita. Mi raccomando di non andare di notte da soli in giro per il Paese e soprattutto nella zona marittima dove molti sbandati trovano rifugio la notte per dormire. Di giorno invece la spiaggia costeggiata da palme diviene accessibile . A Lomè troverete discoteche e bar come in una qualsiasi capitale. La gente è cordiale e gentile e c’è musica sempre e ovunque.

DIARIO DI VIAGGIO DEL TOGO: LA GUIDA DELLA LONELY PLANET

Guida dell'Africa occidentale della Lonely PlanetIn tempi moderni, dove il telefonino, tablet e pc la fanno da padrone, dover acquistare una guida turistica cartacea da portarsi sempre ovunque sembra davvero anacronistico, ma noi di arrivi-partenze.it ve la consigliamo con tutto il cuore. Infatti sia in questo che negli altri viaggi effettuati precedentemente ci siamo accorti che in mancanza di internet il viaggiatore è tagliato fuori sia nel caso avesse bisogno di una mappa, che per gli orari degli spostamenti con i mezzi. E’ indispensabile quindi avere un piano B, che ci risolva facilmente il problema, se mai ci fosse. Un altro aspetto importante è quello di potersi rilassare con una guida di carta in mano e approfondire, nel momento che più ci aggrada, ciò che stiamo visitando, senza le possibili divagazioni che invece si posso fare con un telefonino in mano. Insomma Lonely Planet for ever!!

Del Togo ti possono interessare anche i seguenti articoli:

Vai alla pagina seguente 2 di 4>>>Attrattive della zona marittima
Vai alla pagina 3 di 4>>>Altre attrattive del paese
Vai alla pagina 4 di 4>>>Cibo e consigli
Vai alla pagina >>>Galleria fotografica del Togo
Condividilo sui tuoi social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.