ANGKOR WAT E GLI ALTRI TEMPLI DI ANGKOR

Angkor Wat e gli altri templi di Angkor: la magnificenza dell’arte Kmer

Angkor Wat e gli altri templi di Angkor
Angkor Wat, Cambogia

La fortuna della Cambogia sta sicuramente nel fatto di possedere una delle bellezze dell’asia, ma possiamo dire anche dell’intero pianeta: Angkor. Infatti chi abbia intenzione di visitare questo paese lo fa principalmente per andare ad ammirare questo splendido luogo, a rifarsi gli occhi e a sognare le epoche passate.

ANGKOR WAT E GLI ALTRI TEMPLI DI ANGKOR: IL NOSTRO TOUR

Angkor Wat e gli altri templi di Angkor
Ta Prohm, Cambogia

Angkor, per fortuna, ha ancora il potere di far tornare indietro nel tempo e far immaginare gli sfarzi dell’epoca imperiale, anche se invaso in modo spropositato da turisti di mezzo mondo, i quali per fortuna si “diluiscono” su tutta l’ampia area del sito. Per visitare il complesso è meglio prendersi qualche giorno, sia per gustarsi appieno il tour in mezzo alla foresta tropicale, sia per non stancarsi troppo; l’umidità, infatti, è sempre molto alta e il tragitto che collega un sito dall’altro, è distante spesso qualche chilometro. Una informazione importante riguardante ciò appena detto è quella  riferita ai due percorsi che si possono realizzare all’interno dell’intero sito; quello breve e quello lungo.  Il tour più breve prevede un percorso di circa 17 chilometri, mentre quello lungo si aggira intorno ai 26 e la soluzione che consiglio per coprire queste distanze è sicuramente l’uso della bicicletta, infatti è possibile noleggiarla e scorrazzare in pieno relax immersi in una natura traboccante, fermandovi quando vi si presenta l’occasione di ammirare uno dei tanti templi disseminati nell’area.


L’entusiasmo di vedere immense radici degli alberi della foresta, che con pazienza tentano di riappropriarsi dei propri spazi, non ha paragone. Il primo tempio che vi si presenterà incontro è il mitico Angkor Wat, l’edificio religioso più grande del mondo. Fatto erigere da Suryavarman II intorno al 1100 d.c. Angkor Wat ha dimensioni davvero importanti; i suoi lati misurano circa 1,5 chilometri e sono circondati da un largo fossato. L’architettura del tempio si rifà alla religione induista dove la sua parte più alta rispecchia la montagna degli dei, o monte Meru; qui l’accesso era consentito solo al re. Il tempio non venne mai completato per il fatto che venne attaccato da una popolazione molto potente e influente, i Cham.

Angkor Wat e gli altri templi di Angkor
Angkor Wat, Cambogia

Durante i secoli, e precisamente intorno al XIV secolo, l’Angkor Wat venne convertito in un tempio buddhista e così rimase fino ai giorni nostri. In seguito il complesso venne abbandonato fino a quando un esploratore francese, Mouhot, ci mise piede e lo rese celebre in occidente; tutto ciò ebbe grande clamore e venne definita come una “riscoperta di una città abbandonata”, anche se poi alla fin fine i monaci buddisti non l’hanno mai effettivamente esclusa dalla loro vita e la frequentavano abitualmente. Da allora ci volle un sforzo impressionante per poter restaurare il sito, sia per le sue dimensione fuori dal comune che per la facilità in cui la giungla si riprendeva il suo spazio vitale.

ANGKOR WAT E GLI ALTRI TEMPLI DI ANGKOR: ANGKOR THOM, ALTRE VESTIGIA UNICHE

Angkor Wat e gli altri templi di Angkor
Ingresso all’Angkor Thom

Subito dopo aver visitato Angkor Wat   google maps – e proseguendo il nostro tour del sito ci troviamo di fronte ad un altro vero  e proprio capolavoro dell’arte Kmer: l’Ankgor Thom. Risalente al XII secolo ed estesa su una superficie di 9 chilometri quadrati, la grande città è collegata con il resto del complesso da 4 ponti, uno per ogni lato, dove il mitico serpente Naga è scolpito in innumerevoli copie per tutta la lunghezza del ponte stesso; come inizio niente male!! E’ bene sapere che il materiale che è stato utilizzato per la costruzione dell’Angkor Thom   google maps – è la laterite, anche se in seguito i Kmer divennero abili nell’uso dell’arenaria, di cui è composto l’Angkor Wat.

Angkor Wat e gli altri templi di Angkor
Particolare di una parete di Angkor Wat, Cambogia

I CONSIGLI DI FABIO ED ELENAFabio&Elena

Usciti dal vostro albergo, prima di iniziare la visita ai siti di Angkor Wat, fate scorta di acqua. Infatti il giro può risultare faticoso e l’alta umidità non vi darà sicuramente una mano. Sappiate comunque che molto spesso al di fuori dei templi troverete degli ambulanti che potranno soddisfare le vostre richieste di bevande e cibo.

Della Cambogia ti posso interessare anche i seguenti articoli:

Vai alla pagina seguente 6 di 7 >>>Angkor Thom, Banteay srei e Ta Prohm
Vai alla pagina 1 di 7 >>>Cambogia, quando andare
Vai alla pagina 2 di 7 >>>Cambogia fai da te
Vai alla pagina 3 di 7 >>>Cosa vedere in Cambogia: la capitale
Vai alla pagina 4 di 7 >>>Tuol Sleng: la scuola degli orrori in Cambogia
Vai alla pagina 7 di 7 >>>Turismo sessuale in Cambogia
Vai alla pagina>>> Galleria fotografica della Cambogia
Condividilo sui tuoi social!
  • 2
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *